L‘America’s Cup, il grande evento sportivo che si terrà dall’11 al 15 aprile non è solo sinonimo di sport, ma anche di turismo, vista la forte valenza mediatica che ha e il richiamo che riesce ad attivare nei confronti degli appassionati provenienti da ogni parte del mondo.
Il meccanismo è semplice: chi viene a vedere le regate ne approfitta, come è giusto che sia, per conoscere da vicino la città che ospita l’evento e le sue meraviglie culturali. La città di Napoli ha tanto da offrire a livello artistico, storico e paesaggistico, e il suo patrimonio già basterebbe, da solo, a impegnare i turisti che non hanno mai avuto la possibilità di fermarsi in città.

Ma come ogni grande manifestazione che si rispetti, i meccanismi turistici, che vanno inevitabilmente a interessare anche i cittadini residenti, coinvolgono anche le realtà culturali del territorio, impegnate a potenziare l’offerta con una serie di mostre, percorsi ed eventi di grande interesse.

La Certosa e il Museo di San Martino, ad esempio, proporrà una selezione di opere di Hackert raffiguranti i Porti del Regno borbonico, eseguite sul finire del ‘700 ed esposte nella Sezione Navale, dove sarà possibile rivivere il fascino degli antichi Arsenali con modellini di navi e documenti dell’epoca. Saranno anche presentati i modelli originari dei “Nodi”, utilizzati due secoli fa dalla Marina per insegnare ai cadetti i rudimenti della vita sul mare.

Di estremo interesse anche le manifestazioni organizzate negli spazi di Castel dell’Ovo, la più vicina al luogo di svolgimento delle regate. Nelle sale delle terrazze ci sarà la mostra foto – documentaria “Da scugnizzi a marinaretti”, che, attraverso fotografie e documenti d’epoca, intende ricostruire la storia della Nave – Asilo Caracciolo, esperimento didattico di inizio ‘900 che riuscì nell’intento di togliere dalla strada molti bambini poveri per avviarli alla vita e all’educazione marinaresca. Negli spazi del Castello sarà allestita anche la mostra “I mari dell’uomo. Fotografie di Folco Quilici”, organizzata con la preziosa collaborazione scientifica della Fondazione Alinari e dedicata alla monumentale opera del grande documentarista e scrittore. Nella sala delle Carceri, invece, sarà allestita la mostra “Vele d’Arte”, con installazioni artistiche di vele realizzate su bozzetti di artisti provenienti da tutta Italia, dal Brasile e dalla Germania e montate su strutture simili ad alberi di barche, in modo da costituire una regata in miniatura e da evidenziare il rapporto tra arte e territorio partenopeo, da sempre legato al mare.

Il PAN (Palazzo delle Arti di Napoli), oltre a laboratori didattici per i più piccoli, ha scelto di accogliere i turisti stranieri con una mostra dedicata al disegnatore Alessandro Gottardo, noto col nome d’arte Shout, uno dei più noti del panorama italiano e impegnato, con i suoi disegni, a presentare Napoli, il suo mare e le barchette a vela, attraverso diverse variazioni sul tema.
Il Maschio Angioino propone, invece, la mostra “Il vento e il vapore”, con le riproduzioni di varie incisioni originali del XIX secolo relative a imbarcazioni e vita marinara, per indicare i rapporti tra l’uomo e il mare, soprattutto alla luce della nascente rivoluzione industriale.
Il Museo del Mare di Pozzuoli, invece, propone la mostra “Dall’Armata di Mare alla Marina Italiana” negli spazi dell’Archivio di Stato, con alcuni documenti e modelli di navi dei secoli precedenti.

Diverse anche le iniziative dal basso organizzate dalle diverse associazioni culturali sparse sul territorio e impegnate in una costante attività di sviluppo e crescita culturale: tra tutte, sono meritevoli gli itinerari organizzati dall’associazione culturale True Naples, che accompagnerà i turisti in un doppio percorso da piazza del Plebiscito al Castel dell’Ovo (attraverso via Chiaia e un pezzo di via Caracciolo) e da Piazza del Gesù, in pieno centro, lungo tutta Spaccanapoli, per entrare nel cuore storico e culturale della città.
Altri toru della città di Napoli durante l’America’s Cup possono essere visionabili anche sul nostro servizio Tafter Shop

Per maggiori informazioni e aggiornamenti sugli eventi collaterali dell’America’s Cup, è possibile visitare il sito internet del Comune: www.comune.napoli.it