“No, non mi disturba affatto” è questa la celebre battuta che Raniero, personaggio del film “Viaggi di Nozze” di Carlo Verdone, pronuncia rispondendo allo squillo del cellulare mentre entra in chiesa per il suo matrimonio.
Molti di noi si saranno purtroppo riconosciuti in quella macchietta sempre pronta a rendersi disponibile al primo richiamo dell’amato-odiato telefono portatile, che in questi anni si è per di più aperto, oltre alle classiche chiamate ed sms, anche a mms, e-mail, notifiche dai social e quant’altro.

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=HuXixaGCg4I]

Ci siamo così arresi e resi reperibili effettivamente 24 ore su 24, con grave danno al nostro sistema nervoso, bombardato da informazioni e da stimoli esterni non sempre graditi, che minacciano la tenuta affettiva di amici e famiglia.
Il lavoro e le incombenze sono infatti divenute ormai una costante e, in periodi vacanzieri come questo, c’è chi all’hotel che offre servizio di connessione wi-fi, preferisce una struttura non dotata di simili ‘comfort’ ad alto pericolo rintracciabilità.
Non sorprende dunque se la moda di questa estate 2012, gravata dal peso di un intero inverno di lavoro, reso ancor più pesante dall’ansia della crisi, sia quella della vacanza “digital detox”: niente cellulari, né internet e tanto meno televisione per chi sceglie di sposare questo stile per le proprie ferie; solo natura e relax!
Molte strutture hanno adottato questa filosofia per i loro ospiti, offrendo loro confortevoli sistemazioni la cui parola d’ordine è letteralmente “staccare la spina”.


A Carloforte, in Sardegna, esiste un resort di questa tipologia che ammonisce i potenziali clienti: “Il Mondo magico e diverso del Poecylia – questo è il suo nome – non é adatto a tutti” e spiega che “non si trovano, all’interno delle camere, i comfort abituali, stereotipi di quasi tutte le strutture ricettive, come la televisione, il telefono, internet, frigo bar o l’aria condizionata”. La mancanza di questi servizi è però ben colmata da vista mozzafiato sul mare, una biblioteca e natura incontaminata.
La tendenza proviene, come spesso accade, dagli USA, dove cominciano a sorgere, insieme alle blasonate cliniche per la “rehab” delle celebrità, anche soggiorni per chi desidera disintossicarsi dalle tecnologie.
Per chi invece avesse accumulato veri e propri moti di rabbia nei confronti di questi ritrovati, può sfogarsi con il Campionato Nazionale del Lancio del Telefonino, che dal 2009 organizza tappe itineranti che consentono a tutti, grandi e piccini, di scagliare all’aria i cellulari: l’autore del tiro più lungo si aggiudica la gara. Prossimo appuntamento a San Vito lo Capo il 22 luglio!

 

 

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=u6_X-SrRKGI]