Ve lo ricordate David Cerny, l’irriverente artista ceco che si divertì non poco a rappresentare l’europa stereotipata in occasione della presidenza ceca dell’UE? Quando si tratta di grandi occasioni destinate a lasciare il segno, fa sempre capolino: eccolo dunque a Londra dove, in occasione dell’apertura delle Olimpiadi 2012 ha realizzato per la squadra ceca una gigante installazione che rende onore non solo agli atleti della sua nazionale ma anche al paese ospitante.
Si tratta infatti di un enorme autobus-robot double deck, rosso fuoco e con due braccia muscolose che lo aiutano a sollevarsi e a fare delle flessioni.

L’artista spera che l’opera diventerà ben presto la mascotte non ufficiale dei Giochi Olimpici e, a giudicare dal successo che sta avendo, sui media e in loco, forse ci riuscirà.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=3PG5_bscyE4&w=560&h=315]

 

L’installazione, posizionata nel quartire londinese di Islington, dove sorge il quartier generale ceco durante la manifestazione sportiva, è corredata da video che vengono trasmessi sui finestrini, suoni e movimenti delle braccia che riescono a sollevare il bus di 6 tonnellate in diverse angolazioni.

L’opera, a differenza delle altre realizzate da Cerny, non è destinata alla provocazione o alle controversie cui l’artista si espone con regolare frequenza.
Anzi: “i piegamenti sono l’unico esercizio comune a tutti gli sport – ha dichiarato – e sono anche una punizione per i prigionieri, obbligati a farli durante il carcere. In qualche modo, se vogliamo, è anche un’opera ironica”