Aprirà i battenti il 29 agosto la 69a edizione della Mostra del Cinema di Venezia che porterà in scena ben 50 lungometraggi tra film in concorso e fuori concorso: diretta da Alberto Barbera e presieduta da Paolo Baratta, la rassegna avrà quest’anno come madrina la modella e attrice polacca Kasia Smutniak, ex fidanzata del compianto Pietro Taricone (da cui ha avuto una bambina) ed ora compagna di Domenico Procacci.

Per tutti coloro che non avranno la possibilità di seguire da vicino la rassegna, Tafter vi suggerisce le 5 cose da sapere su questa edizione:

 

1. I film in Concorso e quelli Fuori Concorso

In Concorso

Olivier Assayas – Apres Mai
Ramin Bahrani – At Any price
Marco Bellocchio – Bella Addormentata
Peter Brosens / Jessica Woodworth – Le Cinquieme Saison
Rama Burshtein – Lemale Et Ha’Chlal (Fill the Void)
Daniele Ciprì – E’ stato il figlio
Francesca Comencini – Un giorno speciale
Brian de Palma – Passion
Xavier Giannoli – Superstar
Kim Ki-Duk – Pieta
Takeshi Kitano – Outrage Beyond
Harmony Korine – Spring Breakers
Terrence Malick – To the Wonder
Brillante Mendoza – Sinapupunan (Thy Womb)
Valeria Sarmiento – Linhas de Wellington
Ulrich Seidl – Paradies: Glaube (Paradise: Faith)
Kirill Serebrennikov – Izmena (Betrayal)

Fuori Concorso

Jean-Pierre Ameris – L’homme qui rit
Susanne Bier – Den Skaldede Friser (Love is All You Need)
Pascal Bonitzer – Cherchez Hortense
Simon Brook – Sur un fil…
Jonathan Demme – Enzo Avitabile Music Life (documentario)
Stephen Fung – Tai Chi 0
Amos Gitai – Lullaby to My Father
Kiyoshi Kurosawa – Shokuzai (Penance)
Spike Lee – Bad 25 (documentario)
Mira Nair – The Reluctant Fundamentalist
Manoel De Oliveira – O Gebo e a Sombra
Robert Redford – The Company you Keep
Kimble Rendall – Shark (Bait 3D)
Henry-Alex Rubin – Disconnect
Ariel Vromen – The Iceman

Fuori Concorso (Proiezioni Speciali)

Lyubov Arkus – Anton tut Ryadom
Hinde Boujemaa – Ya Man Aach
Liliana Cavani – Clarisse
Silvia Giralucci / Luca Ricciardi – Sfiorando il muro
Amos Gitai – Carmel
Daniele Incalcaterra / Fausta Quattrini – El impenetrable
Michael Mann – Witness: Libya
Carlo Mazzacurati – Medici con l’Africa
Daniele Vicari – La nave dolce

Promozione speciale per i film in prima mondiale della sezione Orizzonti e per alcuni film Fuori Concorso in programma alla 69 Mostra.
E’ possibile acquistare un abbonamento per 16 film di Orizzonti in Sala Grande per le fasce orarie delle ore 11 e delle ore 14, al prezzo speciale di 40 euro. Il nuovo abbonamento è già acquistabile online (su www.labiennale.org) oppure alla biglietteria del Palazzo del Cinema al Lido (per informazioni e-mail biglietteria.cinema@labiennale.org, tel. 041 2726624 dal lunedì al venerdì dalle 15 alle 19 e il sabato dalle ore 9 alle 13).
Inoltre, per gli under 26 anni e gli over 60 anni, i biglietti singoli per le stesse proiezioni di Orizzonti saranno in vendita online al prezzo speciale di soli 5 euro, come anche per i film Fuori Concorso in Sala Grande della fascia oraria delle ore 9.

 

2. La Giuria

3 le giurie internazionali che giudicheranno i film in concorso decretando, alla fine, il vincitore per ogni sezione.

Venezia 69

Michael Mann presidente
Marina Abramovic
Laetitia Casta
Peter Ho-Sun Chan
Ari Folman
Matteo Garrone
Ursula Meier
Samantha Morton
Pablo Trapero

Orizzonti

Pierfrancesco Favino presidente
Sandra den Hamer
Runa Islam
Jason Kliot
Nadine Labaki
Milcho Manchevski
Amir Naderi

Opera Prima

Shekhar Kapur presidente
Michel Demopoulos
Isabella Ferrari
Matt Reeves
Bob Sinclar

3. Nasce il Premio Green Drop Award

L’associazione Green Cross Italia e il Comune di Venezia hanno lanciato una grande novità per quest’anno: il premio che unisce l’arte del cinema al rispetto dell’ambiente consegnando un riconoscimento alla pellicola che “meglio abbia interpretato i valori dell’ecologia e dello sviluppo sostenibile, con particolare attenzione alla conservazione del Pianeta”.

Il premio è realizzato da un mastro vetraio di Murano e rappresenta una goccia d’acqua al cui interno si riporrà ogni anno un campione di terra proveniente da Paesi diversi. Quest’anno arriva dal Brasile, paese che ha ospitato la Conferenza Onu Rio+20. Ad assegnare lo speciale riconoscimento sarà una giuria presieduta dal regista Ermanno Olmi, già Leone d’oro alla Carriera a Venezia nel 2008.

4. La tecnologia sbarca al Lido

Una app progettata per dispositivi mobili Apple e Android è disponibile dal 28 agosto all’8 settembre (data della fine della rassegna): scaricabile direttamente da iTunes, la nuova applicazione, progettata con il contributo del MiBAC permetterà di seguire non solo i dietro le quinte della Mostra ma anche di vedere i trailer dei film in concorso, i premi, le passerelle e tutti gli eventi collaterali. Sarà possibile inoltre, seguire il festival anche da lontano, acquistando un biglietto per le proiezioni virtuali: 10 lungometraggi e 13 corti di Orizzonti, infatti, saranno acquistabili in streaming per € 4,50.

5. Le polemiche

Come ogni evento di respiro mondiale che si rispetti, nulla può avere inizio senza che vengano alimentate più o meno fondate polemiche sui protagonisti o sui film in concorso.

Quest’ anno molta sorpresa ha destato la scelta di includere nelle pellicole proiettate, molte tematiche riguardanti sesso, rapporti lesbo, religione e violenza che hanno portato ad etichettare la kermesse come “vietata ai minori”.

Nello specifico ci si riferisce ai film “Spring Brekers” di Harmony Korine che vede come protagoniste 4 giovani ragazze che intentano una rapina per procurarsi i soldi per una vacanza e che poi, in prigione, finiscono nelle mani di un pusher. Oppure “Passion” di Brian De Palma in cui ad essere indagato è il rapporto saffico tra una agguerrita donna d’affari e la sua timida assistente, e ancora “To the wonder” di Terrence Malick in cui le numerose scene erotiche hanno provocato la censura anche negli USA.
Per gli italiani, invece, molto atteso “Bella Addromentata” di Marco Bellocchio che indaga la triste vicenda di Eluana Englaro.