L’arte si mette in viaggio. Il prossimo appuntamento è previsto l’1 dicembre 2012 e richiama artisti da ogni parte del mondo.
Ma di cosa si tratta?
Si chiama Walking Gallery ed è un nuovo concetto di galleria d’arte e di museo senza pareti.
Nasce nell’aprile del 2009 a Barcellona grazie a Jose Puig, artista e architetto catalano che, da un’esperienza personale, ha creato un progetto artistico condiviso, un momento di incontro tra artisti e pubblico, un’arte in continua evoluzione che va oltre le pareti convenzionali per esporsi all’aperto, in movimento tra la gente. Non è più il visitatore che entra nei musei o nelle gallerie, ma l’artista stesso che porta la sua opera a passeggio tra la gente. Lo scopo non è quello di vendere ma quello di migliorarsi sempre, mostrando le proprie capacità e mettendosi in discussione.
Un’opportunità per gli artisti di illustrare le proprie opere, senza esclusioni, di avvicinarsi alla gente in maniera costruttiva e di esporsi (ed esporre) al pubblico. È un modo per comunicare e condividere, confrontandosi con la gente che a sua volta può interagire con le opere. Diventa non solo un’azione culturale ed artistica ma un momento sociale e ludico. L’arte si potenzia e si alimenta anche grazie all’unione e partecipare a questo movimento è un modo diverso e attrattivo per creare interesse, per rapportarsi con la gente e per uscire dal proprio laboratorio facendosi conoscere dalla comunità.
Le città che partecipano accolgono artisti di tutte le provenienze, che ricorrono alle più diverse tecniche e stili. L’ incontro con Walking Gallery è mensile. Alla prossima marcia artistica (1° di dicembre), parteciperanno 9 città del mondo: Barcellona, Madrid, Bilbao, Saragozza, Buenos Aires, São Paulo, Avilés e Santiago di Compostela. Molte altre sono le città che hanno partecipato nei mesi scorsi ed altrettante si uniranno mese per mese all’iniziativa.
L’appuntamento è rigorosamente fissato su internet ed il percorso è scelto volta per volta. Chiunque voglia partecipare con la sua opera può prendervi parte: non c’è nessun tipo di selezione, ma per motivi organizzativi si gradisce l’adesione via mail. Walking Gallery pensa anche ai più piccoli, creando laddove sia possibile, laboratori di pittura e d’arte i cui lavori sfileranno insieme al corteo di artisti adulti. Grazie a internet e alle reti sociali l’iniziativa si sta diffondendo in molti paesi del mondo e gode già della partecipazione di oltre 200 artisti. Questo fa pensare che in pochi anni l’azione sarà seguita in più città e da più persone.
Le città italiane non hanno ancora aderito al progetto, ma chiunque fosse interessato all’iniziativa non esiti a contattare Jose Puig, che è molto disponibile a spiegarne i meccanismi e ad aiutare le città che lo richiedano nell’organizzazione del Walking Gallery.

Per ulteriori informazioni visitare il sito www.walkinggallery.com

Ringrazio Jose Puig per aver risposto ad alcune curiosità riguardo al movimento.

Di seguito gli orari dei prossimi incontri:
Barcelona (ore 12 in Plaza Cataluña), Madrid (ore 12 a Puerta del Sol, statua dell’orso), Bilbao (ore 12, da definire), Saragozza (ore 12 al Corte Inglés -Paseo Sagasta), Buenos Aires (ore 14, da definire), São Paulo (ore 14, da definire), Avilés (ore 12 in Calle Palacio Valdés), Santiago di Compostela (ore 12, da definire).