Quest’anno sarà la sua ottantacinquesima edizione: la notte che consacra le stelle del cinema, con la consegna dell’Academy Awad, è nata infatti nel 1929 e da allora si è affermata come l’appuntamento più atteso, che riconosce la qualità delle pellicole cinematografiche uscite durante l’anno. Oltre ai consueti premi come miglior sceneggiatura, attore o scenografia, esiste anche il riconoscimento per il miglior corto d’animazione, spesso lasciato un po’ in disparte e poco considerato, ma che in realtà riserva il più delle volte delle sorprese per valore e bellezza. Lo confermano i candidati di quest’anno: cinque piccoli racconti che riescono a concentrare in pochi minuti trame avvincenti e appassionanti. Eccoli:

 

 

 

Adam and Dog – Minkyu Lee
http://vimeo.com/moogaloop.swf?clip_id=34849443&force_embed=1&server=vimeo.com&show_title=0&show_byline=0&show_portrait=0&color=ff9933&fullscreen=1&autoplay=0&loop=0

Una simpatica storia, ambientata nel periodo preistorico, che narra come è nata una splendida amicizia che dura sino ai nostri giorni: quella tra il goffo Adam, il primo rappresentante della specie umana e il compagno che gli è rimasto fedele nei secoli, il cane.


Fresh Guacamole – PES

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=FQMO6vjmkyI&w=400&h=225]

Una ricetta sfiziosa ed intrigante, ma che difficilmente riuscirete a riprodurre a casa vostra, a meno che non vogliate servirvi di bombe a mano, palline da tennis, lampadine, dadi: tutti oggetti che nella fantasia del regista, una volta tagliati o spremuti, si trasformano in autentici cibi di prima qualità. Il risultato finale è sorprendete, e con un po’ d’immaginazione, anche invitante.

 


Head over Heels – Timothy Reckart e Fodhla Cronin O’Reilly

http://vimeo.com/moogaloop.swf?clip_id=37604847&force_embed=1&server=vimeo.com&show_title=0&show_byline=0&show_portrait=0&color=f5c127&fullscreen=1&autoplay=0&loop=0

Si dice che tra moglie e marito è meglio non mettere il dito, ma questo non significa che non si possa sbirciare ogni tanto per capire come procede la vita coniugale. I protagonisti del corto sono proprio una coppia, di una certa età, che forse dopo anni di matrimonio, non riesce proprio ad andare più d’accordo, tanto che da diventare l’uno l’opposto dell’altra (nel vero senso dell’espressione). Una rappresentazione ironica, divertente, ma molto esplicativa dell’incomunicabilità nella coppia…chissà come andrà a finire.

 


The Longest Daycare – David Silverman

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=gV-NRwLV2qU&w=400&h=225]

Per tutti gli amanti dei Simpson è candidato anche il cortometraggio diretto dal regista e autore del celebre cartone televisivo. Questa volta la protagonista è la piccola Maggie che, armata del suo ninnolo e del suo ciuccio, ci guiderà all’interno delle sue pericolose avventure.

 

Paperman – John Kahrs

 

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=aTLySbGoMX0&w=400&h=225]

Il più romantico dei corti presentati agli Oscar. Sei minuti coinvolgenti e divertenti, che raccontano una storia d’altri tempi. Il video è prodotto dalla Disney ed è l’unico tra i cinque visibile online integralmente.

 

Secondo voi quale tra questi si aggiudicherà l’Oscar?