Si sono sfidati oggi a colpi di domande in diretta televisiva sul canale YouDem i sei candidati del Partito Democratico che domenica 7 aprile si presenteranno per le primarie che li consegnerà alla corsa a sindaco di Roma. Sono Paolo Gentiloni, David Sassoli, Patrizia Prestipino, Ignazio Marino, Gemma Azuni, Mattia Di Tommaso.

 

 

Paolo Gentiloni

Amministrazione: istituire un “Freedom of Information Act”, un sistema che permetta il libero accesso, attraverso il web, da parte dei cittadini ai documenti e bilanci della pubblica amministrazione comunale

Trasporti: ribaltare il rapporto tra trasporto pubblico- privato attivo nella capitale, oggi attestato a 40/60, per portarlo a 60/40. Per raggiungere questo obiettivo Gentiloni propone di potenziare sia il trasporto su ferro, a partire dalla Roma Formia e la Roma Fiumicino, sia quello ferroviario che su tranvia, sull’esempio del successo della linea tram numero 8.
Prendendo spunto da uno strumento già attivo a Firenze, per combattere i cosiddetti “portoghesi” che non pagano la corsa, Gentiloni prospetta la possibilità di fare il biglietto semplicemente inviando un sms all’Atac. Previsto anche il potenziamento del car sharing. Raggiungere il livello di Milano e Bologna per l’estensione delle piste ciclabili cittadine, da trasformare in autentiche vie di percorrenza o non solo percorsi finalizzati allo svago: attualmente a Roma sono presenti solo 9,6km di pista ogni 100 kmq di superficie, mentre a Milano sono 41,1 e a Bologna, città in cui è istituito anche un Ufficio della Mobilità Ciclistica arrivano a 97 km.

Spazi urbani: per migliorare la condizione del verde pubblico, sempre più raro nella metropoli e spesso abbandonato all’incuria, e per rilanciare questo potenziale polmone verde Gentiloni lancia il progetto “Adotta un parco”: ogni cittadino può prendere in custodia un’area o un giardino nella propria zona, curandolo e custodendolo per la collettività. Prevista la chiusura e pedonalizzazione dei Fori Imperiali e la realizzazione di un parco archeologico nel centro città.

Start up: rendere Roma una città accogliente per le start up, sconfessando il rapporto europeo“Start up Ecosystem”, all’interno del quale Roma non compare accanto alle sue sorelle europee, Berlino, Londra e Parigi, come città a misura di imprese innovative. Trasformare Roma in uno start up Village e dare più informazioni ed aiuti fiscali possibili ai giovani imprenditori.

Turismo: potenziare la vocazione turistica della città eterna, sia cercando di sfruttare l’indotto di cui beneficerà il paese grazie all’evento Expo 2015, ma anche combattendo il turismo “mordi e fuggi” che sempre più caratterizza la capitale, a causa dei prezzi proibitivi delle strutture e dei trasporti per arrivare.

 

David Sassoli

Amministrazione: restyling del sito internet del Comune di Roma e delle pagine dedicate ai Municipi, per renderlo un autentico strumento di controllo a cui le persone possano attingere per conoscere dati, rendicontazione spese e stipendi. Far sì che il cittadino possa attraverso il web informarsi ma soprattutto partecipare alle decisioni dell’amministrazione, rendendo quindi comitati e associazioni cittadine parte attiva. Programmato inoltre il completamento della rete wifi in tutta la città.

Trasporti: trasformare le ferrovie regionali in trasporti metropolitani, potenziandoli ed integrandoli con i ritmi cittadini, soprattutto per favorire tutti i pendolari che ogni giorno raggiungono la capitale per lavoro. Previste all’interno del tessuto urbano inoltre metropolitane di superficie. Non mancano le biciclette come mezzo di spostamento: sono previste tre tipologie di percorsi, uno metropolitano che si concentri negli snodi con tram e metropolitane; uno cittadino per permettere gli spostamenti quotidiani; un ultimo radiale che colleghi il centro con la periferia.

Spazi Urbani: potenziare gli orti urbani e mercati del contadino, fenomeni spontanei che hanno riscontrato un notevole apprezzamento da parte dei romani. Consolidare la produzione delle tenute pubbliche di Castel di Guido e Tenuta del Cavaliere ed aprire infine in ogni municipio lo sportello del consumatore.

Turismo e Beni Culturali: portare a termine il grande sogno di Antonio Cederna, quello di creare un grande parco archeologico urbano all’interno del quale vengano congiunti il parco dell’Appia antica con il Colosseo, realizzando una pista ciclabile per gli spostamenti. Aprire, a ridosso del centro storico, l’ostello della gioventù, oggi assente nella capitale, per incoraggiare il turismo giovanile e low cost per i ragazzi italiani e provenienti da tutto il mondo, promuovendo inoltre un mese dedicato al turismo under 30. Riqualificare gli spazi inutilizzati dell’ex Mattatoio di Testaccio, trasformandolo in un centro della creatività giovanile.

 

Gemma Azuni

Trasporti: Potenziamento delle rete ciclabile, introducendo anche un apposito vagone in metro dedicato alle bici. Trasformazione dei corridoi della mobilità in autentiche metropolitane di superficie.

Spazi Urbani: prevista la pedonalizzazione del centro storico attraverso l’eliminazione dei bus turistici che oggi congestionano il traffico. Estensione della Ztl per disincentivare l’uso dei mezzi privati in favore del trasporto pubblico.

Cultura: affrontare le problematiche dei teatri di Roma. Proposta di riaprire il Museo Geologico in una nuova sede per recuperare le sue collezioni imballate e non fruibili dal 1995. In progetto inoltre la nascita di un Eco- museo cittadino, all’interno del quale la collettività possa promuovere attivamente la cultura e la trasmissione del proprio patrimonio. Creazione di un registro degli artisti di strada.

Start up: favorire l’imprenditoria giovanile soprattutto nel settore agricolo, affidando a ragazzi terreni del comune da gestire attraverso bandi pubblici.

 

 

Patrizia Prestipino

Ambiente: principalmente incentrato sulle aree verdi della capitale, il programma della Prestipino prevede la resa delle bottiglie di plastica e di vetro in appositi contenitori che rendano buoni spese (si tratta di un sistema attivo da anni nei supermercati tedeschi), lotta allo spreco alimentare e potenziamento del riciclo dei materiali Tutela del verde cittadino demolendo le abitazioni abusive nei pressi dell’Appia antica, allargando il limitrofo parco sino ad includere la valle del Fosso della Cecchignola; incentivazione della pratica degli orti urbani, al fine di sostenere la socializzazione cittadina. Istituzione della Festa degli alberi durante la quale verranno reimpiantati alberi in zone abbandonate e degradate per riqualificarle.

Trasporti: protagonista assoluta la bici, attraverso il potenziamento delle piste, della creazione di rastrelliere e infine l’istituzione di un dipartimento per la ciclabilità. Migliorare le strutture e la frequenza del trasporto ferroviario. Agevolazioni per gli studenti e le fasce deboli che usufruiscono del trasporto pubblico. Creazioni di aree parcheggio dedicate esclusivamente a mamme e donne in gravidanza.

Start up: finanziamenti per le imprese giovanili coadiuvati da progetti di co working e utilizzo di edifici dismessi e abbandonati, per riqualificarli e sfruttarli come sede di lavoro e creatività giovanile. Si parla anche di agevolazioni a donne, giovani e start up per l’accesso ad internet.

Cultura: riattivare i fondi per la festa del cinema di Roma; riqualificazione dei teatri a rischio chiusura e creazione di un Sistema museale Archeologico; concessione di alcuni spazi culturali a canone agevolato. Pedonalizzazione dell’area intorno al Colosseo ed inserimento dei musei importanti all’interno dei pacchetti turistici di guide e tour operator. Promuovere itinerari che facciano riscoprire a cittadini e turisti monumenti e zone dimenticate.

Turismo: migliorare i collegamenti ferroviari da e per gli aeroporti

Amministrazione: rendere cittadini ed imprese partecipi alle attività dell’amministrazione comunale attraverso la pubblicazione di open data. Snellimento delle procedure amministrative eliminando il cartaceo ed informatizzando le pratiche amministrative.

 

Il programma di Ignazio Marino non è ancora online e non appena sarà pubblicato ne renderemo nota aggiornandovi.

 

 

Mattia Di Tommaso

Trasporti: al primo punto del programma del candidato più giovane che ha nel suo stesso simbolo elettorale il logo della metropolitana londinese. Innanzitutto metropolitana aperta 24 su 24 nel week end e reintroduzione dell’abbonamento mensile ridotto per giovani

Ambiente: creazione di parchi agricoli cittadini in cui riscoprire le pratiche agricole

Cultura: organizzare diverse notti bianche della cultura che siano tematizzate e coinvolgano tutti i municipi, non solo il centro storico.

In attesa di conoscere chi sarà il candidato sindaco del PD, a breve Tafter vi informerà sui programmi di tutti gli altri esponenti politici che concorrono per la stessa carica.