Musica antica, troppo costosa e perciò non adatta ad un pubblico giovanile se non a coloro che fanno parte di questa raffinata elite. Un cliché che si sta ormai consolidando da anni nella mentalità italiana, ma che un esperimento di successo è riuscito a scalfire.

Per tutti i ragazzi, curiosi di avvicinarsi al mondo della musica classica, ma anche per tutti coloro che conoscono a memoria le note dei grandi compositori del passato, è nato tre anni fa il progetto “Pappano in web”. Una ricetta semplice, che unisce musica di qualità, guidata da noti direttori d’orchestra, servendosi del canale online che permette di divulgare l’intero concerto, al di fuori delle porte chiuse della silenziosa sala e rendendolo fruibile gratuitamente in diretta streaming.

Protagonisti di questo progetto sono l’Orchestra sinfonica e il coro dell’Accademia di Santa Cecilia, di cui il maestro Antonio Pappano è il direttore, e Telecom Italia Group che ha reso possibile la realizzazione della diretta web. La musica classica diventa interattiva, ma anche social e si avvicina al mondo dei giovani, sfruttando gli strumenti a loro più familiari: non solo la piattaforma web, ma anche canali Facebook e hashtag Twitter (#pappanoinweb) per avere aggiornamenti costanti.

In questo modo non solo riuscirete a vivere le atmosfere e le emozioni che si respirano nella sala dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, ma avrete anche l’occasione di approfondire l’evento in corso, sia prima dell’inizio del concerto, grazie alle guide all’ascolto e alle lezioni-conversazioni, realizzate dal musicologo Giovanni Bietti e dallo stesso Antonio Pappano, ma anche durante le pause dello spettacolo: in sala si riaccendono le luci, ma contemporaneamente, nel back stage, i protagonisti del palcoscenico vengono intervistati per il pubblico online, che potrà soddisfare tutta la propria curiosità, ponendo delle domande in diretta, collegandovi con la chat monitorata dagli operatori.

L’ultimo appuntamento si è tenuto lo scorso 24 aprile e a dirigere l’orchestra nell’esecuzione di tre concerti di Amadeus Mozart è stato il maestro Uto Ughi, mentre il primo spettacolo, è stato condotto dallo stesso Antonio Pappano che ha inaugurato lo scorso 18 marzo questa terza edizione del progetto con le note della “Sinfonia Patetica” ?ajkovskij. Se non avete potuto partecipare né seguire la diretta streaming, o se volete rivivere l’emozione dell’esecuzione musicale, non preoccupatevi: sul sito infatti tutti i concerti rimangono disponibili sino al prossimo 24 maggio 2014, decisamente il tempo necessario per godersi tranquillamente lo spettacolo in qualsiasi momento, sempre in modalità gratuita.

Intanto, se volete assistere di persona all’evento, l’ultimo appuntamento da non perdere è programmato per il prossimo lunedì 27 maggio, con l’esecuzione dalle 21.00 in poi del Quartetto di Verdi, La Serenata di Britten e la Sinfonia n.5 di Beethoven. Perciò preparate il vostro computer e le casse per trasformare il vostro salone nella sala dell’Auditorium, e godervi gratuitamente le emozioni delle note classiche.