Bastard & Poor’$

 

 

il titolo forse vi sembrerà familiare e richiamerà alla memoria il mondo dei mercati finanziari. Bastard & Poor’$ è una vera e propria agenzia di rating, con tanto di voti e rischio di downgrade, ma stavolta ad essere sotto il mirino delle valutazioni sono i datori di lavoro. Le grandi società, aziende e piccole e medie imprese possono essere analizzate, commentate e classificate da dipendenti e lavoratori che, attraverso la loro testimonianza, possono così denunciare anomalie contrattuali e contrarie alle normative sul lavoro, mantenendo il completo anonimato.

ogni utente per realizzare la propria recensione deve registrarsi, ma può mantenere l’anonimato una volta che la sua valutazione verrà pubblicata. I voti da assegnare ricalcano quelli delle agenzie tradizionali e, per arrivare al punteggio complessivo finale, bisogna valutare le seguenti categorie: Ambiente di lavoro, Contratto, Formazione, Malattia, Maternità, Retribuzione, Sicurezza, Benefit. I giudizi vengono accompagnati da una breve descrizione della propria esperienza personale ed infine resi pubblici.

 in un mercato del lavoro senza regole come quello attuale, in cui spesso il datore di lavoro, sia esso grande azienda o piccolo imprenditore, antepone il fatturato e il guadagno al mantenimento dei posti di lavoro, un’agenzia di valutazione e di denuncia per le irregolarità vissute e sperimentate dai disoccupati, precari o dipendenti soggetti a mobbing, è indubbiamente la benvenuta. Forse le istituzioni competenti, tra cui il Ministero del Lavoro, dovranno cominciare a documentarsi in queste pagine per capire quali sono i disagi e le scorrettezze ormai all’ordine del giorno.

il sito è ancora poco conosciuto e invece sarebbe auspicabile una maggiore diffusione, affinché possa arricchirsi di ulteriori esperienze che servano da monito o da consiglio a tutti.

 

 in primis il nome dal momento che riprende quello di una delle più celebri ed attendibili agenzie del mercato, la Standard & Poor’s. Inoltre si può partecipare attivamente, non solo inserendo il proprio rating, ma anche tramite la sezione “collabora” e diventare così un autentico blogger in difesa dei diritti dei lavoratori.

 

tutti coloro che vogliono togliersi qualche sassolino dalla scarpa ma soprattutto a quanti non si sono arresi all’idea che solo a parole l’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro, che non dovrebbe essere sinonimo di sfruttamento ma di dignità. Il sito è utile per chi inoltre è in cerca di lavoro e intenda informarsi sulle aziende a cui sta inviando il proprio curriculum.

 

 http://www.bastardandpoors.com/