La foto che non può mancare nell’album dei ricordi è quella che ritrae il monumento simbolo della città: la Tour Eiffel. L’angolazione prediletta per fotografarla è quella al di sotto della grande struttura, di fronte, al di là della Senna o dagli Champ-de-Mars. Questo colosso di oltre 320 metri è visibile anche a grandi distanze, perciò non mancherà in uno scatto panoramico di Parigi, a meno che, ovviamente, non vi saliate sopra.

Altra foto immancabile sarà quella della splendida cattedrale gotica di Notre Dame, con i suoi rosoni colorati, le guglie e l’affaccio sul fiume.

Vi perderete nel voler immortalare gli Champs Elysees, l’Arco di Trionfo, Place Vendome, il Moulin Rouge, il Sacre Coeur, Les Invalides e i tanti altri monumenti che rendono unica questa elegante capitale.

Non sottovalutate tuttavia scorci più inediti.

Soffermatevi ad osservare gli artisti all’opera lungo la collina di Montmatre, e non perdetevi il muro dei “Ti amo”, realizzato da Frédéric Baron e Claire Kito, in place des Abbesses, dove sono raccolte 311 dichiarazioni d’amore scritte in 250 lingue diverse.

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=dLgA6ppP9gY]

 

Numerosi anche i cimiteri monumentali, come quello di Montmatre, appunto, quello di Montparnasse, dove sono sepolti Charles Baudelaire, Samuel Beckett, Alfred Dreyfus e Man Ray, e meritevole anche quello du Pere Lachaise.

Se vi siete spinti fin qui, siete vicini a Rue Belleville, dove lungo la strada potrete ammirare alcune opere dello street artist Ben Vautier, oltre che numerosi negozi etnici del quartiere multiculturale. A metà della via entrate in Parc de Belleville, con giardini terrazzati e moderni che offrono una vista privilegiata sul resto della città.

ruebelleville

Sulla riva destra della Senna potrete scoprire il quartiere Le Marais, l’unico che conserva ancora le architetture prerivoluzionarie. Tra le intorno a rue des Rosiers, rue Vieille du Temple e rue Pavée c’è ancora la comunità ebraica parigina, con negozi e ristoranti tipici di questa cultura. Il quartiere è inoltre ricco di boutique di stilisti emergenti.

Offrono interessanti soggetti anche i mercati parigini: segnaliamo quello di Belleville, dai banchi con oggetti esotici, quello di Convention, il più grande per quel che riguarda prodotti alimentari, il Marché aux Timbres, in cui è possibile trovare libri di ogni genere e il Saint-Ouen specializzato in antiquariato e moda vintage.

Lungo la Senna è caratteristico passeggiare tra libri, riviste e cartoline dei Bouquinistes, venditori ambulanti che dispongono i loro banchi in fila.

Bouquiniste_Paris